Amaretti al cocco

(ricetta proveniente dal Castello di Rudolfshausen in Germania)

Oggi vorrei farVi conoscere una ricetta di amaretti al cocco originaria dalla Bavaria in Germania, il castello bavarese Rudolfshausen e rispettivamente dalla cuoca del castello, la signora Helene Walterskirchen.

Grazie a Helene Walterskirchen!

Questi amaretti al cocco sono vegani, senza lattosio e senza olio, insomma sono sani e non un peccato di gola. Basta provarli!

 

Per coprire una piastra avete bisogno di: 

  • 2 noci di cocco fresce (possibilmente di qualità biologica)
  • succo di mezzo limone
  • 3 cucchiai da tavola di zucchero oppure sciroppo di riso biologico
  • 1 cucchiaio da tavola di zucchero vanigliato
  • 1 cucchiaio da tavola di semi di psillio (pianta originaria dell’India)
  • un poco d´acqua per mettere a mollo i semi di psillio
  • 125 grammi di farina di riso (comprato oppure macinato con un mulino a casa propria)

E così funziona:

Schiacciate con un cacciavite gli occhi delle noci di cocco, versate il latte di cocco in un bicchiere e aprite le noci con un martello. Togliete la polpa con un cucchiaio (se le noci sono appena colte allora è più facile, se sono più mature allora sará più difficile).

Mettete la polpa in un mixer insieme al latte di cocco, al succo di limone, alla vaniglia e lo zucchero oppure lo sciroppo di riso. Mescolate il tutto fino ad ottenere una pasta cremosa e versatela in una scodella.

Mettete a mollo i semi di psillio per 5 minuti. Aggiungete i semi e la farina di riso alla pasta e mescolate bene tutti gli ingredienti.

Prendete una teglia coperta con carta da forno. Preparatevi una scodella con dell´acqua tiepida per bagnarvi le mani e il cucchiaio ed evitare che la pasta degli amaretti si appiccichi al cucchiaio o mani. Formate con un piccolo cucchiaio degli amaretti e rivestite la carta sulla teglia. Mettete la teglia nel forno. Cuocete gli amaretti per circa 30 minuti a temperatura media. Lasciate raffreddare gli amaretti, metteteli in una scatola di latta e conservateli in un luogo fresco (non nel frigo, ma in cantina o in soffitta della vostra casa).

Vi auguo un buon lavoro e una buona riuscita degli amaretti del castel Rudolfshausen!

Noi dei Macinacereali di Salisburgo Vi auguriamo un Buon Anno 2019!

A presto!!