Cosa hanno in comune la farina integrale e il diabete?

È comunemente noto che i carboidrati causano il diabete di tipo 2. Ma è molto importante sapere in quale forma sono nocivi. Se prescindiamo che per carboidrati intendiamo cereali e prodotti di cereali, allora non possiamo assolutamente mescolare i due prodotti così differenti l´una dall´altra, e cioè la farina integrale e la farina raffinata.

Oggi voglio presentarVi un paio di ricerche che giungono a simili conclusioni. Queste analisi vogliono dimostrare, cos’hanno in comune la farina integrale e il diabete.

Una metanalisi di otto ricerche con più di 15 000 casi di diabete di tipo 2 tra più di 300.000 partecipanti ha mostrato che un consumo alterato di cereali integrali diminuisce il rischio di ammalarsi di diabete.

Il motivo per la riduzione del rischio non è solo l’alto contenuto di fibre alimentari nei cereali integrali (a differenza dei prodotti con farina bianca raffinata o fior di farina), ma bensì altre ricerche [2],[3] hanno dimostrato , „che una dieta con cibi vegetali e un alto contenuto di cereali integrali, legumi, frutta e verdura abbassa il rischio di ammalarsi di diabete e aiuta nella terapia contro il diabete.“ [4]

Una ricerca più remota ha rilevato un altro effetto interessante [5]: Tra 60 partecipanti che hanno seguito per 26 giorni una dieta ricca di carboidrati e priva di grassi, 23 tra di loro che dovevano prendere un farmaco contro il diabete, tutti fino a due hanno potuto alla fine della ricerca smettere di prenderlo. Dei 17 volontari tra di loro, costretti a somministrarsi insulina, furono alla fine dell’esperimento 13 in grado di smettere di prenderlo dopo 26 giorni.

Adesso avete visto che la farina integrale è un vero toccasana per il diabete di tipo 2 [6]. È straordinario – vero? E se volete avere un piccolo resoconto sulla differenza tra la farina integrale e quella bianca raffinata, allora Vi consiglio di leggere il nostro articolo: Ma perchè la farina integrale è così sana?

 

[1] Chanson-Rolle, A., Meynier, A., Aubin, F., Lappi, J., Poutanen, K., Vinoy, S., Braesco, V. (2015): Systematic Review and Meta-Analysis of Human Studies to Support a Quantitative Recommendation for Whole Grain Intake in Relation to Type 2 Diabetes. PLoS One 10 (6), e0131377

[2] McMacken, M., Shah, S. (2017): A plant-based diet for the prevention and treatment of type 2 diabetes. J Geriatr Cardiol, 14(5), 342-354

[3] Tonstad, S., Stewart, K., Oda, K., Batech, M., Herring, R. P., Fraser, G. E. (2013): Vegetarian diets and incidence of diabetes in the Adventist Health Study-2. Nutr Metab Cardiovasc Dis 23 (4), 292-299

[4] Rittenau, N. (2019): Vegan-Klischee ade! Wissenschaftliche Antworten auf kritische Fragen zu veganer Ernährung. Mainz: Ventil Verlag UG & Co. KG, S. 251

[5] Barnard, R. J., Lattimore, L., Holly, R.G., Cherny, S., Pritikin, N. (1982): Response of non-insulin-dependent diabetic patients to an intensive program of diet and exercise. Diabetes Care, 5 (4), 370-374 https://care.diabetesjournals.org/content/5/4/370.short (30.9.2019)

[6] http://www.lanuovasardegna.it/tempo-libero/2018/03/10/news/la-farina-integrale-per-il-diabete-tipo-2-e-un-vero-toccasana-1.16577017?refresh_ce